La nuova cantina Cà Bonetto della famiglia Cunial viene inaugurata il 13 Giugno 2010, in un giorno pieno di sole e di gioia, animato da musica, con la presenza di importanti autorità civili e religiose, clienti vecchi e nuovi, bravissimi aiutanti, vino e cibo per tutti.

inaugurazione-foto-di-gruppo-con-autorità

La struttura è composta di quattro parti distinte: gli uffici con il laboratorio per le analisi al piano terra, la sala riunioni al primo piano, il punto vendita con mescita dei vini in bottiglia e sfusi, la zona per la raccolta delle uve e la lavorazione-stoccaggio dei vini.
Lo studio del complesso-cantina e dei locali da cui è composta, le dimensioni e la posizione di questi, le attrezzature e gli impianti, è stato eseguito da tecnici ed esperti del settore allo scopo di ottenere la maggior funzionalità nel lavoro durante tutto l'anno, pur tenendo in notevole considerazione il lato estetico e l'impatto visivo dei clienti che vengono a trovarci in azienda.

 

Gli uffici sono ampi e spaziosi, il laboratorio è dotato delle attrezzature necessarie ai controlli periodici dei vini, mentre salendo al primo piano troviamo un ampio salone attrezzato per riunioni ed incontri conviviali.
Al punto vendita si accede da un porticato rustico ed entrando i clienti e visitatori troveranno un ambiente che coniuga il vecchio e il nuovo, dal tetto con travi di legno alle botti d'acciaio per la vendita dei vini sfusi, un angolo per le bottiglie e per le numerose confezioni regalo, ma soprattutto uno stupendo bancone per gli assaggi e le degustazioni.


 

Il cuore della cantina si trova oltre a queste sale, nella zona di lavorazione e stoccaggio, dove l'eleganza e la raffinatezza del corner shop lascia il posto all'essenzialità delle strutture e la modernità delle attrezzature utilizzate nei processi di vinificazione.
La capacità di stoccaggio dei vini è di 7000 ettolitri che ci permette di raccogliere circa 400 quintali d'uva al giorno e complessivamente in tutta la vendemmia fino a 8000 quintali d'uva, provenienti in maggior parte dai nostri vigneti.